Abbiamo creato questa pagina dedicata alle Università che si apprestano a bandire per l’anno accademico 2018/19 il corso di specializzazione per le attività di sostegno.

La pagina sarà aggiornata nel momento in cui si aggiungeranno altre Università.

Si consiglia di consultare questa pagina dedicata per rimanere aggiornati sulle modalità e sulle tempistiche relative all’iscrizione e ai test di ammissione.

Titoli di Accesso

I titoli di accesso per il conseguimento della specializzazione sul sostegno infanzia e primaria:

A) abilitazione all’insegnamento conseguito presso i corsi di laurea in scienze della formazione primaria o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente;

B) diploma magistrale, ivi compreso il diploma sperimentale a indirizzo psicopedagogico, con valore di abilitazione e diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli istituti magistrali o analogo titolo di abilitazione conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente, conseguiti, comunque, entro l’anno scolastico 2001/2002;

Titoli di accesso per conseguimento specializzazione sostegno scuola secondaria di primo e secondo grado:

A) laurea magistrale o a ciclo unico, oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso con l’aggiunta dei 24 crediti formativi universitari o accademici, denominati CFU/CFA, acquisiti in forma curricolare, aggiuntiva o extra curricolare nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche, garantendo comunque il possesso di almeno sei crediti in ciascuno di almeno tre dei seguenti quattro ambiti disciplinari: pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell’inclusione; psicologia; antropologia; metodologie e tecnologie didattiche.

B) Almeno tre annualità di servizio per la secondaria di primo o secondo grado, il possesso del titolo di accesso a una delle classi di concorso del relativo grado e aver svolto, nel corso degli otto anni scolastici precedenti, entro il termine di presentazione delle istanze di partecipazione,  anche non successive, valutabili come tali ai sensi dell’articolo Il, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124, su posto comune o di sostegno, presso le istituzioni del sistema educativo di istruzione e formazione. Senza il possesso dei 24 cfu.

Per coloro che possono accedere alle classi di concorso per insegnante tecnico pratico – è prevista la possibilità di partecipare alla selezione per l’accesso ai corsi, purché in possesso di:

C) laurea, oppure diploma dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica di primo livello, oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso (quindi anche diploma di secondo grado che dà titolo all’accesso alle rispettive classi di concorso) ( i cfu saranno necessari dall’a.s. 2024/2025)

Sono altresì ammessi con riserva coloro che, avendo conseguito il titolo abilitante all’estero, abbiano presentato la relativa domanda di riconoscimento alla Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione, entro la data termine per la presentazione delle istanze per la partecipazione alla specifica procedura di selezione;

Gli Atenei predispongono percorsi abbreviati, finalizzati all’acquisizione del titolo, per i soggetti che hanno già conseguito il titolo di specializzazione sul sostegno in un altro grado di istruzione e risultino utilmente collocati in graduatoria di merito.

Sono altresì ammessi in soprannumero ai relativi percorsi i soggetti che, in occasione dei precedenti cicli di specializzazione abbiano sospeso il percorso ovvero, pur in posizione utile, non si siano iscritti al percorso;

Siano risultati vincitori di più procedure e abbiano esercitato le relative opzioni;

Siano risultati inseriti nelle rispettive graduatorie di merito, ma non in posizione utile.

Prove d’esame:

Test preliminare:  costituito da 60 quesiti formulati con cinque opzioni di risposta, fra le quali il candidato ne individua una soltanto. Almeno 20 dei predetti quesiti sono volti a verificare le competenze linguistiche e la comprensione dei testi in lingua italiana. La risposta corretta a ogni domanda vale 0,5 punti, la mancata risposta o la risposta errata vale O (zero) punti. Il test ha la durata di due ore.

E’ ammesso alla prova scritta  un numero di candidati pari al doppio dei posti disponibili nella singola sede per gli accessi. Sono, altresì, ammessi alla prova scritta coloro che, all’esito della prova preselettiva, abbiano conseguito il medesimo punteggio dell’ultimo degli ammessi.

Con una decisa accelerata  il MIUR pubblica il Decreto con cui ufficializza le date sotto le quali le Università dovranno effettuare le prove preselettive per l’accesso ai corsi di specializzazione per il conseguimento del titolo di sostegno per le scuole dell’infanzia-primaria-secondaria di primo grado e secondaria di secondo grado.

Le prove preselettive si svolgeranno:

  • TFA sostegno Infanzia mattina del 15 aprile
  • TFA sostegno Primaria pomeriggio del 15 aprile
  • TFA sostegno Scuola Secondaria Primo Grado mattina del 16 aprile
  • TFA sostegno Scuola Secondaria Secondo Grado pomeriggio del 16 aprile

Sono ammessi in soprannumero rispetto ai posti i soggetti che, in occasione dei precedenti cicli di specializzazione:

  • abbiano sospeso il percorso ovvero, pur in posizione utile, non si siano iscritti al percorso;
  • siano risultati vincitori di più procedure e abbiano esercitato le relative opzioni;
  • siano risultati inseriti nelle rispettive graduatorie di merito, ma non in posizione utile rispetto ai posti assegnati all’Università ove hanno sostenuto le prove.

Abbreviazione del percorso: 

per i docenti delle scuole di altro ordine e grado di istruzione, in possesso di titolo di specializzazione sul sostegno, e che comunque devono risultare inclusi nelle graduatorie di merito dello specifico percorso di specializzazione, saranno attivati percorsi abbreviati.

Conclusione dei corsi:

I corsi dovranno concludersi entro il mese di febbraio 2020.

E’ prevedibile, pertanto, che i percorsi di specializzazione si svolgeranno da settembre a febbraio (quindi sei mesi).

Prove:

si articolano in:

  • un test preliminare;
  • una o più prove scritte ovvero pratiche;
  • una prova orale.

Appare evidente che la procedura avrà tempi strettissimi.

Per il Lazio i posti complessivamente autorizzati sono 2.475

Si segnala, infine, che a questa prima indizione di 14 mila posti seguiranno altre procedure nell’arco massimo di 2 anni fino a raggiungere circa 40 mila specializzati.

Per scaricare/visualizzare:

I POSTI AUTORIZZATI PER LE SINGOLE UNIVERSITÀ

IL DECRETO

cliccare sui seguenti link:

DM – Aggiornamento date prove sostegno

Tabella specializzazione sostegno

DM specializzazione sostegno (pdf accessibile)

MIUR-DCECRETO-SOSTEGNO-2019

Per ottenere maggiori informazioni e assistenza potete contattarmi tutti i giorni (esclusi i festivi ed i prefestivi) dalle ore 10,00 alle ore 18,00 nei seguenti modi:

  • telefonando o inviando un messaggio whatsapp al numero 3389424061;
  • inviando una richiesta tramite il nostro sito dalla pagina “contatti”;
  • scrivendo una mail a flpscuola.roma@flp.it

Il servizio è riservato solo agli iscritti, o per coloro che si vorranno iscrivere al Sindacato FLP Scuola.